CHIESA DELL'ANNUNZIATA (largo Annunziata)

La Chiesa, situata in Largo Annunziata nelle immediate vicinanze della Cattedrale, fu eretta nel 1377 . Ciò si evince da una iscrizione gotica posta alla destra dell’antico portale (sull’attuale via S. Caterina). In occasione dei restauri del 1758, la chiesa venne ornata da un portale barocco e poi riaperta al culto.

 

Portale Chiesa dell' Annunziata Particolare Chiesa Annunziata
Portale della Chiesa dell'Annunziata  

CHIESA DEI SS. MEDICI (via Le Monache)

Nei pressi della Torre dell’Orologio è situata la chiesa dei SS. Medici risalente al 1293, originariamente denominata Chiesa di S. Maria e S. Luca.  La denominazione originaria dell’edificio religioso si può ricondurre alla venerazione di un antico affresco della Vergine Maria attribuito proprio a S. Luca.
Nel 1952 il vescovo Aurelio Marena trasferì in questa chiesa il gruppo statuario dei SS. Medici, da qui la denominazione attuale di "Chiesa dei SS. Medici".

Chiesa dei Santi Medici
Facciata principale e laterale della Chiesa dei SS.Medici

 

 

CHIESA DI S.ROCCO (Piazza G. Matteotti)

Il culto di S. Rocco a Ruvo risale al 1502, quando la città fu liberata da una terribile pestilenza per intercessione del Santo.  Infatti il morbo scomparve e i ruvesi eressero subito una chiesa a devozione del Santo. La chiesetta fu poi restaurata integralmente nel 1645, grazie al denaro raccolto da due nobili ruvesi.
Alla Chiesa di San Rocco è legata l’omonima Confraternita fondata nel 1576.

Chiesa di San Rocco
Statua di San Rocco
Facciata principale della Chiesa di San Rocco
San Rocco
Processione di San Rocco
Processione di San Rocco

 

CHIESA DELPURGATORIO (via Cattedrale)

Prima del 1643 l’attuale Chiesa del Purgatorio era costituita da una sola navata ed era chiamata Chiesa di San Cleto in quanto nel vano sottostante l’edificio vi era una cripta tradizionalmente chiamata "Grotta di San Cleto".
Nel 1643 alla navata già esistente se ne aggiunse un’altra.
In seguito alla notevole devozione verso le anime del Purgatorio, l’edificio religioso fu denominato "Chiesa del Purgatorio".

Grotta di San Cleto Chiesa del Purgatorio e Statua della Pietà
Grotta di San Cleto
Facciata Prinicipale della Chiesa del Purgatorio e Statua della Pietà

 

CHIESA DEL CARMINE (vico Carmine su via Cattedrale)

Nell’Archivio della Chiesa del Carmine è conservato un prezioso documento denominato "Platea", il quale attesta che nel 1500 in Contrada S. Vito fu edificata l’antica chiesa di San Vito Martire. Dalla "Platea" si legge inoltre che nel 1613 la chiesa venne dotata di un altare maggiore sul quale troneggiava l’effige della Madonna del Carmelo. In seguito alla realizzazione dell’altare maggiore, la chiesa non fu più dedicata a S. Vito Martire, bensì alla Madonna del Carmelo.
Nel 1604 una piccola schiera di cittadini ruvesi fondò la Confraternita del Carmine.

Chiesa del Carmine
Campanile del Carmine
Facciata principale della Chiesa del Carmine
Campanile della Chiesa del Carmine

 

CHIESA E CONVENTO DI S.DOMENICO (piazza Bovio)

Chiesa e Convento furono costruiti intorno al 1560 con il titolo di SS. Regina del Rosario.
Nel 1809 la chiesa e il convento furono chiusi al culto. Con Regio Decreto di Ferdinando I, nel 1820 si stabilì la venuta dei Padri Scolòpi che cominciarono la loro missione nel 1821 presso la chiesa e l’ex convento dei Domenicani.
Gli ambienti del convento furono sede delle cosiddette "scuole Pie" dove gli Scolòpi, organizzarono un vero e proprio Seminario. Nel 1866 il Convento passò definitivamente al Comune che lo adibì a scuola pubblica.
Nel 1777 venne fondata la Confraternita della "Purificazione Addolorata" nell’antica chiesetta di S. Carlo e poi trasferita nel 1810 nella Chiesa di S. Domenico dove risiede tuttora.

Chiesa di S.Domenico
Facciata principale della chiesa di San Domenico

 

CHIESA E CONVENTO DI S.MICHELE ARCANGELO (corso Piave)

La chiesa e il convento di San Michele Arcangelo sorgono su di un insediamento  antico frequentato probabilmente dai monaci basiliani (provenienti dall’Oriente).
Del convento e della chiesa si ha notizia nel XV secolo, quando Gabriele degli Orsini, feudatario di Ruvo rivolse al Papa Nicolò V la richiesta di autorizzazione a ripristinare e restaurare il convento con chiesa annessa.
Il Papa accordò tale richiesta e il convento, ripristinato a spese dei cittadini, venne poi affidato ai frati Minori Osservanti.
A distanza di quasi un secolo dal ripristino del convento, la chiesa ad esso annessa crollò, così nel 1744 venne avviata l’edificazione della nuova fabbrica che ebbe il suo compimento nel 1755.
Per quanto riguarda il convento, nonostante sia stato adibito attualmente a sede della Casa di Riposo "Maria Maddalena Spada", ha mantenuto comunque l’antica struttura. In particolar modo nel chiostro quadrangolare si conservano delle lunette affrescate, facenti parte di un ciclo barocco di matrice francescana tra i più interessanti in Puglia.

Chiesa di San Michele Arcangelo Particolare affresco
Facciata principale della Chiesa di San Domenico
Hovich " Adorazione dei Magi " 1613
Convento Chiosco
Convento dei Francescani
Convento dei Francescani (Cortile Interno)
Convento
Convento dei Francescani (Interno)

 

CHIESA E CONVENTO DEI CAPPUCCINI (via Don Minzoni)

Da una iscrizione lapidea si evince che la chiesa fu fondata nel 1607 dal vescovo Giuseppe Saluzzo (1604 – 1621) e fu consacrata il 23 ottobre 1677 dal vescovo Domenico Galesio, che la dedicò a S. Maria Maddalena.
Secondo il Lojodice, noto studioso locale, la costruzione del Convento dei Cappuccini sarebbe precedente a quella della Chiesa e risalirebbe al 1583.
Nel 1809 i Frati Cappuccini furono espulsi dalla città di Ruvo, ma la soppressione definitiva del Convento si ebbe solo nel 1861. Da allora la chiesa passò sotto la giurisdizione del Clero diocesano, divenendo parrocchia con il titolo di S. Filomena e S. Lucia nel 1925.
Una volta tolto dal calendario il nome di S. Filomena, il parroco dell’epoca fece portare via anche la statua della Santa dalla Chiesa.Della statua non si sono avute più notizie e così anche il titolo della Parrocchia non fu più "S. Filomena e S. Lucia", ma soltanto "S. Lucia".

Chiesa dei Cappuccini Convento dei Cappuccini
Facciata principale della Chiesa dei Cappuccini
Convento dei Cappuccini
Statua di Santa Lucia
Statua di Santa Lucia

 

CHIESA DEL SS. REDENTORE (piazza Matteotti)

L’idea di edificare una chiesa dedicata a "Gesù Redentore" si deve al vescovo Bruno nel 1886. Il suo desiderio però restò solo un progetto che perse vigore con il passare del tempo. All’inizio del XX secolo il vescovo Berardi raccolse l’idea di Bruno, manifestando il desiderio di erigere una chiesa in onore del SS. Redentore. Era l’anno giubilare 1900 quando il vescovo Berardi gettava la prima pietra.
La chiesa, situata accanto al Castello della città di Ruvo, sebbene non fosse stata ancora ultimata, venne aperta al pubblico nell’agosto 1902.

Chiesa del SS. Redentore
Facciata principale della Chiesa del SS. Redentore

 

CHIESA DI S.GIACOMO (corso E. Carafa)

 La Chiesa di S. Giacomo, sita lungo Corso Giovanni Jatta, fu edificata nel 1869. I documenti rinvenuti nell’Archivio Capitolare testimoniano l’esistenza nel XVII secolo di un’antica Chiesa dedicata a S. Giacomo Apostolo che nel 1762  crollò definitivamente e fu riedificata e consacrata il 24 ottobre 1869.

Chiesa di San Giacomo
Facciata principale della Chiesa di San Giacomo